Visita altri paesi: Bulgaria | Cambogia | Colombia | Etiopia | India | Russia | Ucraina | Vietnam

Adozione di minori cinesi da parte di coppie italiane

 

Il 26 novembre 2007 e’ stato perfezionato lo Scambio di Lettere tra il Governo Italiano ed il Governo della Repubblica Popolare Cinese in materia di adozioni internazionali.

L’Accordo e’ entrato in vigore il 3 febbraio 2008 ed il suo testo e’ pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 109 del 10 maggio 2008, Supplemento Ordinario n. 118.

Sono due gli Enti italiani che, nella fase di avvio del programma adozioni, sono stati autorizzati dalle competenti Autorità cinesi alla presentazione di domande di adozione da parte di coppie italiane: il Centro Italiano Aiuti all’Infanzia (CIAI) e l’Associazione Amici dei Bambini (AiBI).

Si riportano di seguito i contatti dei due Enti, cui ci si potrà rivolgere qualora si intenda adottare un bambino cinese.

Per informazioni generali sulle procedure italiane per l’adozione internazionale, si consiglia di visitare il sito della Commissione per le Adozioni Internazionali.

Per un inquadramento della normativa cinese e notizie utili sulle adozioni in Cina, si può consultare il sito del “China Center for Adoption Affairs”.

La rete consolare in Cina e’ a disposizione delle coppie italiane per eventuali ulteriori informazioni.

Ad oggi, avendo gestito unicamente il canale delle liste speciali (pur depositando i documenti anche attraverso il canale tradizionale), l'iter adottivo si svolge come segue: dopo l'accettazione della segnalazione di un bambino la coppia si reca presso la sede di competenza per prendere visione della documentazione sanitaria del minore proposto; successivamente si riceve l'abbinamento ufficiale, costitutuito da due parti: una sarà firmata dalla coppia e l'altra dalla CAI. Successivamente i due documenti vengono rispediti al CCAA. Dopo circa 50 giorni dalla firma dell’abbinamento, arriva la lettera di invito, con la quale si richiede il visto di ingresso in Cina. Segue dunque la partenza, e i preparativi per l’incontro con il bambino.

A tale riguardo è opportuno ricordare come l'articolo 39/ter lett. (e) della legge 476/98 faccia obbligo all'ente autorizzato di "non avere e non operare pregiudiziali discriminazioni nei confronti delle persone che aspirano all'adozione, ivi comprese le discriminazioni di tipo ideologico e religioso".

Ovviamente tale obbligo si riferisce in prima istanza ai minori posti nella condizione di adottabilitа: non dimentichiamo infatti che l'adozione, anche quella internazionale, è stata voluta per garantire il loro diritto ad avere una famiglia.

Pertanto Ai.Bi. "non potrа avere nй operare nei confronti dei minori adottabili pregiudiziali discriminazioni di sesso, colore, etnia ed etа".

Le coppie in possesso di decreti di idoneitа che contenessero indicazioni in una delle aree sopra citate (etа, colore, sesso, etnia) sono invitate a contattare la sede nazionale prima dell’iscrizione: Ai.Bi. infatti non puт accogliere l’incarico di coppie in possesso di decreti cosiddetti “vincolati”.

Al termine del corso, che è considerato obbligatorio al fine del conferimento dell’incarico, la coppia deciderа se iniziare o meno il cammino adottivo con Ai.Bi..

I percorsi maturativi di sostegno vengono organizzati in tutte le sedi di Ai.Bi. e durano un intero week-end.

Sul sito internet dell’Associazione, nella sezione “Adozione Internazionale”- “Percorsi maturativi di sostegno”, si trova l’indicazione del luogo, della date e della disponibilitа di posti nelle diverse sedi in cui tali corsi sono organizzati, nonchй di tutti i dettagli relativi alle modalitа di partecipazione, compreso il modulo di adesione direttamente scaricabile dal sito.

L’iscrizione al percorso maturativo puт avvenire tramite internet compilando e spedendo via mail il modulo scaricabile dal sito o via telefono, parlando con un incaricato dell’Area Tecnica Formazione che invierа su richiesta a mezzo mail o a mezzo posta il modulo stesso invitando la coppia a rispedirlo all’ente, debitamente compilato, via mail, posta o fax.

Maggiori dettagli

La partecipazione ai corsi di formazione consente alla coppia di misurarsi rispetto alla realtа, ai vissuti ed ai problemi dei bambini stranieri in stato di abbandono.

La coppia deve consapevolmente valutare se puт essere una risorsa concreta per questi bambini e quindi decidere se iniziare o meno il cammino adottivo con Ai.Bi..

Metodologia

Lavori ed esercitazioni di gruppo che costituiscono un'opportunitа per mettere in comune esperienze, difficoltа e riflessioni guidati da un’èquipe di professionisti.

Conduttori Coppie formate sui temi dell’adozione internazionale, che hanno in passato intrapreso e concluso il cammino adottivo.

Professionisti

Un'èquipe formata da psicologi esperti di adozione internazionale.

  • l’accompagnamento delle coppie e l’iter adottivo
  • la scelta del paese di destinazione della pratica adottiva
  • l’esperienza adottiva concreta della coppia testimonianza

Gli incontri informativi sono gratuiti e vengono organizzati in tutte le sedi di Ai.Bi.; durano solitamente un paio di ore e si svolgono generalmente il sabato mattina.

Sul sito internet dell’Associazione, nella sezione “Adozione Internazionale”-“Incontri informativi”, si trova l’indicazione del luogo, della data, dell’ora e della disponibilitа di posti nelle varie sedi in cui tali corsi sono organizzati.

Per prenotarsi basta telefonare o inviare una mail alla sede centrale (ai@aibi.it) o alla sede dove si desidera seguire l’informativo indicando il nome e cognome di entrambi i coniugi e un recapito telefonico. Si verrа in questo modo inseriti nella prima data disponibile.

Le famiglie testimonianza

E’ possibile, per le coppie che lo desiderano, incontrare una famiglia adottiva di Ai.Bi. Molte delle famiglie che adottano con l’Associazione si mettono infatti a disposizione per fornire supporto a quelle coppie che avvertano la necessitа di confrontarsi sui temi dell’adozione con chi l’ha giа vissuta personalmente.

Per fissare questi incontri и necessario contattare telefonicamente o via e-mail la sede nazionale di Mezzano, parlando con gli operatori del settore adozione internazionale, o la sede locale più vicina.

L’operatore che raccoglie la richiesta nel piщ breve tempo possibile individuerа e contatterа una famiglia-testimonianza disponibile e ne darа il recapito alla coppia aspirante adottiva.

Quest’ultima è invitata a telefonare alla famiglia testimonianza per prendere un primo contatto che nella maggior parte dei casi si limiterа ad un semplice contatto telefonico, in altri potrа invece tramutarsi in un incontro di persona con la famiglia-testimonianza.

Percorsi maturativi di sostegno (obbligatori)

Periodicamente (indicativamente almeno una volta al mese presso la sede nazionale, con periodicitа diverse presso le sedi regionali) Ai.Bi. organizza dei corsi di formazione presso tutte le proprie sedi (tranne Palermo) a favore di coppie in possesso dell'idoneitа all'adozione internazionale o in procinto di ottenerla (che abbiano quindi giа effettuato almeno 3 colloqui con i Servizi territoriali di riferimento) per presentare chi sono i bambini per i quali Ai.Bi. sta cercando una famiglia, dove e come vivono, quali problemi hanno, quali difficoltа possono presentare.

Sono veri e propri momenti di preparazione all'incontro con il futuro figlio, un figlio ormai non più immaginato, ma reale. per una valutazione delle concrete possibilitа di adozione e per un’eventuale integrazione della relazione psico-sociale che verrа utilizzata dalle competenti autoritа straniere.

I colloqui, che vengono considerati obbligatori al fine del conferimento dell’incarico, vengono fissati su appuntamento presso tutte le sedi dell’Associazione ed hanno una durata indicativa di una-due ore. Se necessario, puт venir fissato un secondo colloquio. Nel caso si tratti di coppie con figli giа presenti, i colloqui saranno sicuramente due: uno solo con i coniugi ed uno alla presenza dei figli.

Per fissare il colloquio individuale la coppia puт telefonare all’ente o inviare direttamente il modulo di richiesta che al percorso maturativo и stato consegnato, unitamente alla copie del pagamento e alla “scheda sociale” che raccoglie dati personali, economici, sanitari, professionali, ecc. della coppia necessari per la pratica adottiva e il certificato dei carichi pendenti. La coppia potrа poi inviare il tutto all’ente via mail, fax o posta. Una volta ricevuta la richiesta e i relativi allegati, l’ente provvede a richiamare al più presto la coppia per concordare la data dell’appuntamento.

Il conferimento dell’incarico

L’associazione si riserva la facoltа di valutare le indicazioni raccolte durante il percorso formativo svolto dalla coppia al fine del buon esito della procedura ed in relazione alle concrete possibilitа di adozione della coppia tramite l’Ente.

Dopo il colloquio psicologico Ai.Bi., tramite la sede centrale di Mezzano, invia alla coppia la modulistica per il conferimento dell’incarico.

La coppia ha due mesi di tempo dalla data di invio del modulo e relativi allegati per conferire l’incarico.

L’accompagnamento della coppia all’incontro con il proprio figlio dal momento del conferimento incarico

Da questo momento inizia il percorso che condurrа all’incontro di ciascuna coppia con il proprio figlio.

I Gruppi familiari locali

Durante questo periodo le coppie non sono lasciate sole, ma vengono accompagnate da un gruppo familiare locale (se lo desiderano).

I gruppi familiari locali sono gruppi costituiti per lo piщ da famiglie adottive, ma non solo:

anche da famiglie affidatarie, perchй hanno sperimentato in prima persona l’accoglienza di un bambino; da sostenitori a distanza, perchй hanno accolto nel proprio cuore un bambino abbandonato; da sostenitori delle attivitа di Ai.Bi., che consentono di far vivere l’associazione

Partecipanti

Coppie in possesso del decreto di idoneitа all'adozione o in procinto di ottenerlo. Numero massimo (variabile a seconda delle sedi): 10 coppie

Sessioni di approfondimento

Sono due i corsi propedeutici all’adozione internazionale, che Ai.Bi. propone, destinati a tutte le coppie interessate ad approfondire la tematica dei cosiddetti “special needs”:

  • Corso propedeutico all’adozione di bambini grandi e fratrie
  • Corso propedeutico all’adozione dei bambini con bisogni sanitari

Gli incontri facoltativi durano 3 ore e sono tenuti da psicologo, medico e da un componente dello staff adozioni

L’iscrizione ai corsi puт avvenire tramite internet compilando e spedendo via mail il modulo scaricabile dal sito; via telefono, parlando con un incaricato dell’Area Tecnica Formazione che invierа su richiesta a mezzo mail o a mezzo posta il modulo stesso invitando la coppia a rispedirlo all’ente, debitamente compilato, via mail, posta o fax .

Al termine del corso viene richiesto ad ogni coppia di compilare un questionario anonimo di valutazione allo scopo di raccogliere eventuali suggerimenti e input migliorativi per il futuro e di esprimere una valutazione sulla conduzione e i temi trattati durante il corso.

Colloquio individuale (obbligatorio)

Una settimana circa dopo il corso maturativo e solo se in possesso del decreto di idoneitа, la coppia è invitata a chiedere un colloquio individuale con uno degli psicologi dell’Associazione 

Incontri di post-adozione:

Ai.Bi. si impegna a mantenere i contatti con tutte le famiglie che hanno concluso il cammino adottivo cosм da poter essere vicino a chi si confronta quotidianamente con l’entusiasmante e faticoso “mestiere” di genitore.

A questo proposito Ai.Bi. organizza momenti d’incontro e confronto che possano essere un valido aiuto per riconoscere e sviluppare competenze educative e relazionali nei confronti dei figli, a partire dai bisogni di supporto su problematiche specificamente adottive, di risposte competenti e di confronto con altre famiglie che vivono la medesima esperienza.

Ai.Bi. propone in tutte le proprie sedi cicli di incontri di post-adozione che presentano le seguenti caratteristiche:

  • prevedono la partecipazione dei genitori suddivisi in gruppi a seconda dell’etа dei figli adottati (con figli in etа prescolare, in etа scolare e preadolescenti e adolescenti)
  • sono condotti da esperti con il compito di aiutare le famiglie adottive a far leva sulle proprie risorse
  • le tematiche dei percorsi, i costi ed il relativo calendario sono inseriti e periodicamente aggiornati all’interno del sito dell’Associazione: www.aibi.it

L’iscrizione al corso puт avvenire tramite internet compilando e spedendo via mail il modulo scaricabile dal sito; via telefono, parlando con un incaricato dell’Area Tecnica Formazione che invierа su richiesta a mezzo mail o a mezzo posta il modulo stesso invitando la coppia a rispedirlo all’ente, debitamente compilato, via mail, posta o fax .

Al termine del corso viene richiesto ad ogni coppia di compilare un questionario anonimo di valutazione allo scopo di raccogliere eventuali suggerimenti e input migliorativi per il futuro e di esprimere una valutazione sulla conduzione e i temi trattati durante il corso.

Progetto “ speciale” Cerco una famiglia

In questo progetto vengono inseriti minori adottabili segnalati dalle autoritа del loro paese di origine in quanto particolarmente bisognosi data la loro condizione fisica o psicologica, l’etа o la storia di vita per i quali non è stato possibile trovare una coppia disponibile fra quelle che hanno dato incarico all’Associazione.

I coniugi che danno disponibilitа a questi bambini devono essere in possesso dell’idoneitа all’adozione internazionale e vengono inseriti in un percorso particolare di accompagnamento che prevede l’intervento di figure professionali quali medici e psicologi, sia nella fase di

abbinamento coppia-minore, sia nella fase post-adottiva al rientro in Italia dal Paese straniero.

Adempimenti post-adottivi

Ogni Paese di provenienza dei minori prevede che le famiglie inviino, secondo la periodicitа prevista da ciascuna legislazione locale, relazioni periodiche sull’inserimento dei minori nella nuova realtа familiare.

Le coppie sono tenute ad incontrare l’equipe psicologica di Ai.Bi. per la stesura delle relazioni da inviare nel Paese straniero.

L’adempimento puntuale della consegna delle relazioni и condizione fondamentale per poter mantenere l’accreditamento e l’operativitа nel paese da parte dell’Ente. И pertanto preciso obbligo delle coppie adottive adempiervi per tutta la durata che la legislazione del paese straniero prevede.